Estrazione Vietnamita

In Italia fino a pochi anni fa i consumatori di caffè si dividevano in 2 categorie, gli amanti dell’espresso e gli amanti della moka.

I primi frequentatori del bar i secondi amanti del caffè tra le mura di casa.

Oggi fortunatamente le cose stanno cambiando grazie ai baristi italiani sempre più formati ed il consumatore finale sempre più curioso, Perché in realtà ci sono molti metodi di estrazione del caffè spesso ignorati.

Alcuni di questi sono caffè alla turca, French Press, Aereopress , sifone giapponese , V60, vietnamita e molti altri.

Oggi vi parlerò dell’estrazione Vietnamita.

In Vietnam il caffè non è considerato una semplice bevanda ma, un elemento immancabile nella cultura di questa popolazione.

Questa tecnica di estrazione richiede molto tempo al contrario del nostro amato espresso, ma il bello è proprio quello, vedere il nostro caffè che goccia dopo goccia cade e riempie il nostro bicchiere.

La caffettiera vietnamita è composta da un corpo con annesso filtro per far scendere il caffè, da un secondo filtro da inserire all’interno della caffettiera e da un coperchio.

La procedura di estrazione è molto semplice, in un bicchiere versiamo circa 40ml di latte condensato e vi posizioniamo sopra la caffettiera, all’interno di essa versiamo il nostro caffè macinato e vi appoggiamo sopra il filtro facendo una leggera pressione, dopodichè versiamo “un dito” di acqua calda, chiudiamo il coperchio ed aspettiamo che goccia a goccia il nostro caffè cada sul latte creando un fantastico gioco di colore.

A questo punto possiamo berlo caldo così com’è, oppure travasarlo in un bicchiere più grande pieno di ghiaccio.