Il latte macchiato

Il latte macchiato pur essendo una bevanda molto diffusa, poche volte la troviamo servita a dovere.

purtroppo la cattiva abitudine di avere un bricco con i primi caffè del mattino e i caffè fatti per sbaglio durante la giornata da utilizzare per il latte macchiato ancora non è morta, anzi in italia è molto diffusa.
Diffidate, non bevetelo per nessun motivo, se vi mettono del caffè preso da un bricco cambiate bar per sempre. Stiamo pagando per un servizio fatto da professionisti e un professionista non lo farebbe mai.

Il Latte Macchiato è una bevanda molto più “lattosa” rispetto al cappuccino visto la diversa proporzione latte/espresso molto più sbilanciata verso il latte.

Si comincia montando il latte in una bella schiuma lucida e senza bolle e si versa nel bicchiere. Solitamente un bicchiere di vetro alto. ( occhio alla grandezza del bicchiere, ne vale il nostro guadagno )
Si prepara un espresso, in una piccola lattiera. In modo da poter versare il caffè sul latte in modo comodo e creando un bel effetto ottico.
Se versiamo l’espresso lentamente nel latte si compie una vera e propria magia, in pochi secondi nella bevanda si formano degli strati di diversi colori, un risultato molto scenico che affascina i clienti
Ovvio che per un buon risultato è fondamentale una crema di latte perfetta.

è un processo chiamato Convenzione a doppia diffusione, lo stesso fenomeno che crea gli strati di acqua negli oceani. In questo processo, quando liquidi di diverse temperature e densità, come l’espresso caldo e il latte caldo, vengono uniti, non si uniscono completamente. Soltanto le parti esterne di questi liquidi si mischiano: : il liquido più caldo riscalda una parte del liquido più freddo, più denso (come il latte) facendolo salire leggermente, e lo strato più denso più freddo raffredda uno strato meno denso (caffè) facendolo affondare leggermente. Questo processo crea “celle di convezione” che fluiscono orizzontalmente, non verticalmente (il che distruggerebbe i livelli), risultando in una serie di bande di colore.

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *